Navigazione veloce

Autistic Behavior & Ccomputer-based Didactic

Quando si ha un caso di autismo a basso funzionamento, cioè quando è presente un deficit di attenzione e/o di comunicazione risulta efficace una terapia intensiva uno a uno personalizzata e monitorata nel tempo. Questo approccio prende il nome di Aba (Applied Behaviour Analysis), è effettuata da personale specializzato, con insegnamenti a 360 gradi (competenze scolastiche, comportamenti adeguati al contesto, linguaggio, interazione sociale, etc.) e prevede il coinvolgimento attivo di genitori e insegnanti. Da questa premessa nasce il software Abcd (Autistic Behavior & Ccomputer-based Didactic), un’applicazione che permette di utilizzare l’intervento Aba su strumenti elettronici, come portatili, tablet e cellulari. È necessaria una connessione internet in quanto le immagini degli esercizi e i dati di registrazione sono depositati in un server centrale; inoltre, l’interfaccia del bambino e quella del tutor sono tenute separate: è il tutor che avvia l’esercizio dal suo dispositivo, facendo sì che attraverso la rete si sincronizzi con il dispositivo utilizzato dal bambino. Ma non tutti i casi di autismo sono uguali, quindi la app può essere tarata. Abcd si adatta alle abilità del bambino tramite una configurazione che prevede età, recettività e capacità espressive. I livelli aumentano a poco a poco e il bambino impara attraverso semplici prove ripetute e distinte

L’applicazione è stata progettata per bambini piccoli, ma anche i più grandi possono usarla con buoni risultati. Grazie alla registrazione automatica dei dati da parte di Abcd e l’inserimento dei dati soggettivi da parte del tutor Aba, come per esempio il livello di aiuto fornito, si possono valutare i progressi o riscontrare i problemi in atto, permettendo al personale specializzato di mettere a punto un intervento ad hoc. 

Il progetto Abcd nasce da una partnership tra Iit e Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione ‘A. Faedo’ del Cnr e Università di Pisa, in collaborazione con l’Istituto di fisiologia clinica del Cnr per l’analisi dei dati ed è stato finanziato dalla Regione Toscana, con un contributo di Registro.it. 

abcd

  • Condividi questo post su Facebook

Non è possibile inserire commenti.