Navigazione veloce

GIORNATA DELLA MEMORIA

Ecco la testimonianza raccolta da alcuni studenti nel nostro Istituto che hanno partecipato alla seduta ‘Giorno della Memoria’ del Consiglio Regionale delle Marche :

 

“Il venti gennaio 2017 ci siamo recati con i nostri insegnanti, prof. Mariani e prof.ssa Suardi, al Consiglio Regionale delle Marche, in occasione delle celebrazioni per la Giornata della Memoria”.

Abbiamo avuto l’opportunità di ascoltare la testimonianza della signora Vera Vigevani Jarach, una donna sopravvissuta a ben due tragedie: la Shoah e la persecuzione degli oppositori politici in Argentina. Anche se riuscita a sopravvivere a queste due persecuzioni, due dei familiari della signora sono morti: suo nonno, in quanto ebreo, venne deportato ed ucciso nel campo di concentramento di Auschwitz; sua figlia diciottenne, invece, è una dei desaparecidos che durante gli anni della dittatura di Videla in Argentina vennero uccisi con i ‘voli bianchi’ o ‘voli della morte’, così chiamati perché da essi non tornava più nessuno.

Successivamente abbiamo assistito alla presentazione che i ragazzi della classe IV A del Liceo “Torelli” di Fano hanno preparato per illustrare il loro lavoro, vincitore del Concorso nazionale del MIUR “I Giovani incontrano la Shoah”. Gli studenti avevano preparato una valigetta simile a quella dei deportati ebrei, nella quale erano contenuti sia oggetti che ‘smontano’ le idee negazioniste, cioè  quelle tesi che sostengono che la Shoah sia stata solo un’invenzione, sia un cartellone lunghissimo che rappresentava tutti gli ebrei morti nell’Olocausto.

Ogni ebreo era raffigurato con una goccia d’acqua: erano sei milioni di gocce d’acqua!

Il ricordo di queste persone trattate ed uccise in modo disumano ci ha fatto provare grande tristezza e dispiacere soprattutto nei confronti dei familiari sopravvissuti; e tanta rabbia nei confronti dei nazisti.”

(Asia, Diego, Giulia, Marco – classe II A e II B Scuola Giulio Cesare)

  • Condividi questo post su Facebook

Non è possibile inserire commenti.