Navigazione veloce

INSIEME……TRA STORIE, SINESTESIE E TANTE ATTIVITÀ’ MUSICALI SCUOLA INFANZIA E PRIMARIA “E. BIGNAMINI

Si è concluso il progetto annuale di musicoterapia con la rappresentazione della favola in musica “PIPPO PETTIROSSO E LE STAGIONI”.

Il progetto di musicoterapia prosegue da alcuni anni grazie alla collaborazione tra il musicoterapista dell’Istituto “E. Bignamini” e gli insegnanti.

Il progetto, iniziato nel mese di ottobre e terminato con la festa finale, ha visto impegnati gli alunni della scuola Infanzia e Primaria “E. Bignamini” con attività laboratoriali a cadenza bisettimanale.

Sono stati previsti incontri  nel piccolo gruppo, formato dagli alunni della scuola dell’Infanzia e dal gruppo sensoriale di scuola Primaria, e attività svolte nel grande gruppo con la modalità del circle time.

Il tema già affrontato lo scorso anno della “musica e sinestesia”, ovvero unione tra aspetto acustico e sensorialità, molto efficace soprattutto per alunni con pluriminorazioni gravi, si è arricchito di  nuovi elementi (leggero-pesante, vento, caldo-freddo, acqua, profumo ecc.)

La musicoterapia si è agganciata inoltre ai momenti forti dell’anno (Natale e Carnevale) e ad altri progetti portati avanti nel plesso (le 4 stagioni, Reading della consapevolezza sull’autismo e Comunicazione Aumentativa Alternativa).

L’idea già sviluppata lo scorso anno della favola in musica è stata riproposta anche quest’anno con la creazione del libro gigante di “PIPPO PETTIROSSO E LE STAGIONI”: la nuova storia illustrata   è stata arricchita di elementi musicali e di stimolazioni sensoriali (stoffe, luci, profumi).

Le sessioni di musicoterapia, oltre ad essere  momenti piacevoli e ludici,  sono state anche occasione di sviluppo dell’intelligenza musicale e di semplici apprendimenti cognitivi e  ogni alunno è stato chiamato a partecipare secondo le proprie possibilità.

Anche quest’anno gli alunni hanno apprezzato molto le varie attività laboratoriali di musicoterapia, sostenute anche dalla professionalità e dal buon rapporto con il docente Carlo Celsi con cui collaboriamo da anni e che ringraziamo.

 
 

  • Condividi questo post su Facebook

Non è possibile inserire commenti.