Navigazione veloce
Istituto Comprensivo > Scuola dell’Infanzia Speciale Bignamini

Scuola dell’Infanzia Speciale Bignamini

La Scuola Statale Speciale “Bignamini” è un plesso dell’Istituto Comprensivo “Falconara Centro” ed è ospitata all’interno del Centro di Riabilitazione Don Gnocchi, grazie ad una convenzione stipulata tra il Centro Servizi Amministrativi e la Fondazione. In base a tale convenzione l’Istituto offre alla scuola i locali, l’arredamento, il personale ausiliario, il servizio mensa, il trasporto, l‘èquipe psico – medico – pedagogica e riabilitativa.

 

PERCHE’ UNA SCUOLA SPECIALE?

La scuola speciale “Bignamini” ospita prevalentemente bambini che presentano pluriminorazioni e gravi disabilità psico-fisiche e sensoriali, spesso accompagnate da apostularità, quali: paralisi cerebrali infantili, Sindrome di West, tetraparesi di tipo acinetico, encefalopatie connotate da microcefalie, disturbi di tipo relazionale e comportamentale.Ogni bambino, oltre ad avere una sua programmazione e relativa attività individualizzata, necessita anche di un costante controllo in quanto le patologie sono spesso seguite da complicanze come insufficienza respiratoria, crisi epilettiche e stereotipie.Pertanto l’ubicazione della scuola all’interno dell’Istituto risulta particolarmente favorevole perché in caso di necessità si può trovare assistenza da parte dell’equipe medica.

CONTATTI

ISTITUTO BIGNAMINI

VIA MATTEOTTI, 56

60015 Falconara Marittima  (AN)

 CODICE MECCANOGRAFICO

scuola infanzia ANAA82501A

scuola primaria ANEE82502L

TELEFONO

071 9160971

fax:

071 912104

 ORARIO APERTURA DELLA SEGRETERIA DELL’ISTITUTO BIGNAMINI

lun – ven   8:00 – 13:00

                 15:00 – 19:00

sab:           8:00 – 12:00

INSEGNANTI:

Orsi Ludovica (fiduciaria)

Zezza Carolina

Fraboni Erica

Vernelli Anna (completamento part-time)

Giuliano Sonia (IRC)

 

 

TURNO ANTIMERIDIANO
2 insegnanti Zezza – Orsi 9:00 – 13:30
TURNO POMERIDIANO
2 insegnanti Fraboni – Vernelli 10:30 – 16:00
1 ora e mezzo IRC martedì mattina insegnante Giuliano

 

RAPPRESENTANTE DEI GENITORI

anno scolastico 2017/16

 

 

La Scuola dell’infanzia “Bignamini” è aperta dal lunedì al
venerdì a tempo pieno: dalle ore 9:00 alle ore 16:00 per un totale di 35 ore settimanali

 

STRUTTURAZIONE

9:00 – 9:30
  •  Accoglienza
9:30 – 9:45
  • Attività di benvenuto a scuola con canzoni personalizzate e utilizzo del “Voca”
9.45 – 10:00
  • Merende e somministrazione di acqua ai bambini
10:00 – 10:30
  • Attività di gruppo della programmazione di plesso da parte delle insegnanti del turno che dividono i bambini in due gruppi e occupando le stanze a disposizione
10:30 – 11:30
  • Arrivo del secondo turno di insegnanti e inizio delle attività individualizzate della programmazione educativa individualizzata (PEI)
11:30 – 12:00
  • Pratiche igieniche individuali, ciascun insegnante deve accompagnare il bambino in bagno per la sicurezza
  • due bambine vengono portate in bagno sul riduttore per avviare al controllo sfinterico
  • attività di anticipazione al pranzo mediante l’oggetto “bavaglino” per tutti i bambini a parte una bambina che utilizza anche il riconoscimento di foto e simboli.
12:00 – 13:00
  • Pranzo: l’infermiera si occupa del pranzo di un bambino (presenta maggiori difficoltà ed è in rischio di salute); le altre insegnanti gestiscono gli altri nove rimanenti, occupandosene di più bambini contemporaneamente qualora possibile
13:00 – 13:30
  • Attività di rilassamento con musiche e rilassamento in grande gruppo
13:30 – 14:30
  • Merende e somministrazione di acqua pomeridiana con le stesse metodologie della mattina
14:30 – 15:00
  • Attività di gruppo della programmazione di plesso, solitamente nella sezione principale in quanto alcuni bambini vengono stesi sul tappetone per farli riposare, per cui lo spazio a disposizione è sufficiente per le carrozzine rimanenti
 15:30 – 16:00
  •  Pratiche igieniche individuali, ciancun insegnante deve  accompagnare il bambino in bagno per la sicurezza

 

SPAZI  

  • Aula sezione (attività di accoglienza e aula gruppo 1)
  • Aula gruppo 2
  • Stanza pallestra
  • Stanza deposito sussidi posturali e di movimento/postazione infermieria
  • Mensa: situata al piano terra dell’edificio e condivisa con la scuola primaria
  • Aula di musicoterapia (sala polifunzionale): situata al piano terra dell’edificio
ATTIVITA’ MOTORIAPercezione del sé corporeo

  • Esercizi, gioco sul tappetone con il materiale per la pratica psicomotoria, cilindri, cubi, scivoli, cuneo, palloni BOBATH: strisciare, rotolare, gattonare (con guida fisica).
  • Giochi con la coperta (strisciare-dondolare)
  • Sedute di contatto corporeo e comunicazione mediante metodo (Knill).
  • Rilassamento nella pallestra.

Giochi allo specchio

  • Stimolo alla percezione della propria immagine: riconoscere e toccare le parti del corpo.

Acquisizione di schemi motori di base (toccare, prendere, lanciare, trattenere in mano, ecc.)

Rinforzo della prensione (staccare, tirare, trainare, afferrare, ecc.).
PERCEZIONE TATTILE (con guida fisica)

  • Stimolare la consapevolezza tattile attraverso esercizi e giochi
      • con aria (ventagli, phon, palloncini)
      • con spruzzatore ad acqua
      • con sfioramenti (piumini, foulard, pennelli, ecc.)

o Manipolazione di materiale non strutturato(acqua, schiuma, tempera, farina, riso, pasta, zucchero, sale, cereali, carta di varia consistenza, ecc.)

  • Manipolazione ed esplorazione di materiale strutturato per esperienze tattili a contrasto (i rulli, le mattonelle, palle di varie dimensioni e materiali, sussidididattici appositamente predisposti come cubi, cilindri, piccoli percorsi da tavolo, mobiles costruiti con oggetti di varie forme e consistenza, ecc.)

PERCEZIONE VISIVA

Attività finalizzata ad accrescere la consapevolezza del senso della vista.

Favorire, attraverso l’attività di maternage, l’osservazione del viso dell’insegnante e il contatto visivo.

Fissare oggetti sonori fermi.

Fissare oggetti sonori in movimento.

 

LUCE-BUIO

percezione per contrasto (sarà opportuno svolgere tale attività a luce attenuata o al buio).

Uso di torce elettriche: proiettare ad intervalli il fascio luminoso verso il muro, il soffitto, un pupazzo, un oggetto, un foglio colorato, uno specchio, ecc.

Inseguimento visivo di oggetti (illuminati) su fondo a forte contrasto (bianco e nero):

  • Muovere gli oggetti lentamente partendo dal centro del campo visivo del bambino (palline, pupazzi, macchinine).
  • Fare roteare mobiles,  palle luminescenti, stelle filanti, palloncini colorati, ecc.
  • Giochi con bolle di sapone o biglie colorate sempre lasciate rotolare lentamente sul fascio di luce.

Inseguimento visivo di una fonte luminosa:uso di tabelloni appositamente predisposti con tracciati luminosi in senso orizzontale, verticale, circolare e misto.

In questo laboratorio sono inoltre previste tutte le attività inerenti la coordinazione visuo-motoria.

PERCEZIONE UDITIVA

Attività ludica finalizzata a promuovere reattività e orientamento a suoni e rumori

Favorire l’orientamento degli occhi e del capo verso fonti sonore quali:

o La voce umana (varie intonazioni), canti, tiritere, filastrocche.

o Brani musicali (registratore)

o Suoni e rumori prodotti da oggetti, cilindri strutturati e strumenti musicali.

o Brani di musica reiterati (uso del registratore o del voca).

o Centri di interesse e giocattoli sonori (carillon, sonagli, la fattoria, le voci del bosco, ecc.)

Motivare il bambino a:

o Produrre un rumore battendo oggetti o manipolando materiali sonori.

o Produrre un suono attraverso l’uso di strumenti musicali a percussione.

o Riconoscere e discriminare suoni (una voce, una canzoncina, uno strumento).

o Attivare azioni motorie in risposta a stimoli sonori e/o verbali.

In questo laboratorio sono previste anche tutte le attività inerenti la musicoterapica.

PRINCIPALI MODALITA’ OPERATIVE ATTIVITA’gattini

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

  •  programmazione e piani di lavoro personalizzati
  •  utilizzo di sussidi didattici adeguati alle potenzialità operative di ogni alunno
  •  attività ludiche di gruppo per promuovere forme di interazione sociale primaria
  • musicoterapia (un giorno alla settimana) in collaborazione con un esperto esterno
  • sedute fisioterapiche svolte dal personale dell’Istituto Bignamini

METODOLOGIA

INTERSOGGETIVITA’ PRIMARIA E SECONDARIA

  • promuovere una situazione empatica
  • mettersi in sintonia ogni momento possibili (durante il pasto, nel gioco libero e guidato, durante le attività di gruppo, ecc.)

pescioliniALCUNI ASPETTI DEL METODO TEACCH

  • strutturazione di spazi e posizionamenti
  • predisposizione di materiale specifico e individualizzato
  • reiterazione costante delle esperienze
  • rapporti collaborativi con la famiglia

COMUNICAZIONE SEGNALETICO-OGGETTUALE

Si utilizzano oggetti-segnale per anticipare due o tre situazioni e/o attività significative della giornata scolastica. 

 

METODO COMPORTAMENTALE

PROCEDURE:

  • Prompting e  Fading nell’esecuzione delle attività educativo-didattiche
  • Rinforzatori sociali e verbali

 STRUMENTI DI VALUTAZIONE

Valutazioni iniziali, in itinere e finali attraverso:

  • Diagnosi funzionale
  • Osservazione diretta e sistematica
  • Kit Diagnostico
  • Protocollo di Osservazione (B.A.B.)
  • Relazione finale individuale

sfondo_giungla